DSCF5399

21 Mag Cosa sono la placca e il tartaro?

a cura del dott. Ghirotto Andrea

 

“E tu ti saresti lavato i denti??? In 30 secondi???”
Ecco come mi rimproverava mia mamma, consapevole che il mio non era certo il miglior modo per prendermi cura della mia bocca.
Allora non le davo importanza e con “me li lavo 3-4 volte al giorno! Che altro dovrei fare?!”sono giunto a dover curare per carie praticamente tutti i denti posteriori entro i 25 anni.

Il motivo per cui l’igiene orale con spazzolino e filo interdentale deve essere accurata è che nella nostra bocca vivono un’infinità di specie batteriche (se ne scoprono a decine ogni anno) molte delle quali si organizzano in BIOFILM BATTERICO: una specie di gelatina  che viene prodotta dai batteri stessi.
Già nel giro di pochi minuti dopo il più accurato spazzolamento si forma sulle superfici dei denti e delle protesi una pellicola di proteine della saliva che i batteri sfruttano per aggrapparsi. In alcune ore questi si moltiplicano e producono  una poltiglia che in inglese è chiamata anche SLIME: se state pensando al fantasmino verde de “I Ghostbuster” o a quel vasetto di roba appiccicosa con cui giocavamo da bambini vi state facendo un’idea non distante dalla realtà.
Dentro lo Slime  i batteri   si scambiano sostanze nutrienti, si moltiplicano e   sono inoltre protetti da tutte le nostre difese: il sistema immunitario, i collutori, gli antibiotici, ecc. Più diamo loro il tempo di organizzarsi e più ci creano problemi.
L’unico modo per contrastarli è mettere scompiglio nella loro organizzazione con lo spazzolino, lo scovolino e il filo interdentale.
Gli idropulsori non sono adeguati perché non hanno la pressione sufficiente.

Stabilito che dobbiamo distruggere con impegno questo BIOFILM, ciò non è in ogni caso del tutto sufficiente: rimangono sempre alcune zone più difficili da raggiungere nelle quali questo si calcifica e diventa TARTARO che può favorire l’infiammazione e la retrazione delle gengive e dell’osso che sostiene i denti.
E’ quindi necessario  affidarsi alle cure di un IGIENISTA DENTALE almeno un paio di volte all’anno per mantenere sana la nostra bocca.